• XXIII Congresso di chiusura del Distretto 108-Ia1

    A Francesco Preti (L.C. Ivrea) subentra Luigi Tarricone (L.C. Vercelli)
    Eletti il 1° VDG Libero Zannino (L.C. Torino Stupinigi) e il 2° VDG Giancarlo Somà (L.C. Moncalieri Host)

  • Just the woman I am 2018

  • C'è un Lions con te

    Il progetto avviato dal Distretto LIONS 108-Ia1 per facilitare l'inserimento nel mondo del lavoro di giovani tra 18 e 29 anni. L’obiettivo è migliorare la qualità dei percorsi di orientamento/inserimento al lavoro tramite l’apporto delle competenze di un gruppo di socie e soci Lions in funzione di consulenti e mentori.
    Giovedì 5 ottobre 2017, ore 14:30 - "IO LAVORO" (Lingotto Fiere Torino, stand Città di Torino servizio Informagiovani):
    workshop di presentazione.

  • Cani Guida

    Nato a Milano nel 1959, il servizio cani guida per ciechi dei Lions dal 1975 opera a Limbiate con 12 campi di addestramento e 72 box singoli per ospitare i cani.

  • I Lions italiani con i Bambini nel Bisogno O.N.L.U.S.

    "I Lions Italiani con i Bambini nel Bisogno - Children in need", la ONLUS costituita sulla base del progetto Multidistrettuale dei Lions Club italiani "Tutti a Scuola in Burkina Faso": un grande impegno di solidarietà per combattere la piaga dell’analfabetismo in una delle zone più povere del mondo.

  • Libro Parlato Lions

    “Donare l’emozione di un libro anche a chi non può leggere!” è in sintesi lo scopo del “Libro Parlato Lions”, dal 2006 dichiarato “Service Nazionale Permanente” dei Lions Italiani.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Impegno, passione, lavorare insieme: questa la ricetta per un anno di grandi traguardi.

Cari Amici,

è sempre una vera emozione essere di fronte a voi.
Dopo un lungo percorso sono qui per iniziare con voi un anno, che già sarebbe straordinario ma che lo è ancora di più, perché coincide con le Celebrazioni del Centenario della nostra Associazione.
L’avvio di questa mia avventura parte con il passo giusto.

 

Le foto del Congresso di Apertura ->

Infatti oggi abbiamo la presenza della quasi totalità dei club (72 su 73), che dimostra come ci sia il desiderio da parte di tutti noi, di iniziare alla grande le Celebrazioni del nostro centenario, un grazie a tutti. Continuiamo così.
Come sapete, sono appena tornata dal Giappone, dove ho vissuto l’esperienza sempre emozionante della Convention Internazionale.
Ma quest’anno con il corso da DGE, le esperienze e le emozioni sono state molte di più. Infatti ho potuto incontrare i Governatori dei 743 distretti, in cui è divisa la nostra Associazione, confrontandomi e condividendo idee e progetti per quest’anno davvero unico.
L’esperienza della Convention internazionale, cambia totalmente la percezione di cosa è il Lions International perché tocchi con mano qual è la grande potenzialità della nostra Associazione, perché capisci che veramente tutti assieme possiamo fare la differenza.
Ma forse la sorpresa più grande è stata, per me, quella di conoscere da vicino il nostro nuovo Presidente Internazionale: Bob Corlew.
Arriva da una terra, il Tenessee, che ha molte assonanze con il nostro distretto.
Anche lui ha vissuto all’ombra delle montagne, come molti di voi, soci della magnifica Valle d’Aosta che oggi ci ospita in questa splendida cornice.
E in effetti noi che siamo legati alle montagne, possiamo ben comprendere il motto del  Presidente Intenzionale: “Nuove Mon

tagne da scalare”   Dove l’immagine della scalata è una metafora sia del lavoro di gruppo - la cordata - che permette di superare le situazioni difficili, sia del fatto che dal basso le vette delle montagne sembrano tutte impossibili da raggiungere, ma una volta raggiunta la cima si aprono nuovi orizzonti, nuovi spazi, nuovi mondi…

Per questo Bob Corlew ci chiede di scalare nuove montagne, di affrontare nuove sfide, di cercare nuove opportunità, di vedere il mondo da nuove prospettive.
Ed io vorrei aggiungere: non dare nulla per scontato, non fermarsi per dire “ma abbiamo sempre fatto così....” ma uniamo le forze per arrivare ad un punto più alto da cui far partire nuove sfide.
Per questo oggi troverete alcune novità, a partire dall’organigramma e dai programmi per l’anno appena iniziato.
Mi piace infatti pensare che quest’anno, in occasione del Centenario Lions e del Cinquantennale Leo i nostri LEO, il Distretto 108Ia1 sia formato da 94 Club, 73 Lions e 21 Leo, e che tutti insieme, dedicheremo il nostro tempo, le nostre professionalità e, mi auguro, il nostro entusiasmo per dare vita ai Service che caratterizzeranno i prossimi mesi; e grazie alla forza dei nostri 2675 Soci raggiungeremo nuove vette nel nostro servire.
I Leo sono sempre stati il nostro punto d’orgoglio, cinquant’anni fa erano considerati il nostro principale Service, oggi possono, anzi devono, essere una colonna portante nei nostri service.
Ecco perché ho immaginato una reale collaborazione attraverso un affiancamento di officer Lions con officer Leo, nelle 4 macro aree, ed avremo un Delegato del Governatore per il Progetto Young for Lions, che farà da catalizzatore tra il mondo Leo e noi. Sarà inoltre il  promotore per i progetti dedicati ai giovani, e perché no, per rendere più attrattivi i nostri club Lions nei confronti dei Leo in uscita per raggiunti limiti di età.
Collaborazione Leo Lions. Mi auguro che questo modello organizzativo sappia dare una carica innovativa, e in certi contesti, come i progetti dedicati ai giovani, anche il grande vantaggio di poter utilizzare linguaggi e progettualità più vicini a chi, come in questo caso, sarà il diretto beneficiario delle nostre attività di Service.
Tornando alla convention di Fukuoka, il Presidente Corlew ci ha chiesto di scalare la montagna della crescita associativa. 
E fin qui nulla di nuovo. La vera novità è invece quella di poter contare sugli strumenti giusti per avere successo in questa sfida. Noi non dobbiamo mirare ai soli numeri ma dobbiamo puntare ad una crescita di qualità. Dobbiamo far entrare nuovi soci che siano motivati e coscienti dell’impegno che essere Lions richiede. E’ uno sforzo che dobbiamo fare nei nostri Club perché solo club forti e vivi ci permetteranno di festeggiare fra altri cento anni.
Ogni Socio che entra sono due mani in più per aiutare, per promuovere service. 
E noi Vogliamo crescere solo per far fronte ai bisogni che sono “in crescita” nelle nostre comunità.
I Club devono ricordare che, se vogliamo iniziare alla grande questo nuovo ciclo di vita della nostra Associazione, dobbiamo riequilibrare la composizione dei soci effettivi dei nostri club: con l’aumento delle donne e con un abbassamento dell’età media. Come potrà spiegarvi meglio il GMT, a livello mondiale i club che hanno realizzato questi obiettivi sono quelli che funzionano meglio e che riescono a proporre e realizzare i progetti migliori.
Abbiamo parlato di cent’anni di Lions e cinquanta di Leo, ma non dimentichiamoci che nel 2017 saranno anche trenta anni dall’ingresso delle donne nella nostra Associazione.
Per celebrare questa ricorrenza, vogliamo quindi lanciare una nuova sfida… Al femminile!
Presentare una campagna di prevenzione sanitaria innovativa, studiata e dedicata esclusivamente alle donne. Ed è proprio per questo che poco fa avete sentito presentare dal Delegato del Governatore per il Progetto Woman for Lions, il Progetto “Il cuore delle donne”.  Un’attività di sensibilizzazione ai problemi cardio circolatori che, ci auguriamo possa avere un grosso impatto sulle problematiche legate alla medicina di genere.
A proposito di donne, e non ne faccio una questione di genere in quanto governatore donna, mi sento di promuovere, e spero insieme a molti di voi, un movimento di opinione contro la violenza di genere.
Oggi in sala, come in tutte le future riunioni, troverete un “Posto Occupato” da una sciarpa rossa.                                                                                          
Questo è un piccolo gesto per ricordare tutte le donne vittime di violenza.
Ciascuna di quelle donne, prima che un marito, un ex, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto a teatro, a scuola, in metropolitana, nella società.
Questo posto lo vogliamo riservare a loro, affinché la quotidianità non lo sommerga. Perché la violenza sulle donne si deve combattere ogni giorno, perché noi donne dobbiamo essere consapevoli del ruolo importante che abbiamo come madri nell’educare i nostri figli al rispetto. 
Perché anche in questo noi Lions possiamo, con la forza delle nostre idee, fare la differenza.
A volte per superare delle difficoltà non serve scalare delle montagne: basta non rimanere indifferenti.
Ma cambiamo pagina.
Un’altra innovazione di quest’anno è aver proposto ai Presidenti di Club, di utilizzare una pianificazione temporale dei Service, attraverso un CALENDARIO condiviso e suddiviso per temi.
Cerchiamo di sviluppare i nostri Service, là dove possibile naturalmente, all’interno delle 4 macro aree del Centenario come ci viene chiesto dal Board.
Proviamo a programmarli in periodi ben definiti dell’anno, seguendo la scansione dei temi previsti dal Calendario delle attività del Lions Club a livello mondiale. 
Quello che voglio dire è che se concentriamo le nostre iniziative dedicate alla vista nel mese di ottobre, periodo del calendario Internazionale dedicato proprio al tema "Condividere la Visione"… e questo lo facciamo su tutto il nostro territorio coinvolgendo i tanti club che organizzano gli screening gratuiti, la raccolta di occhiali usati, ecc., certamente otterremo un ancor più forte impatto sui nostri territori, sarà più facile avere spazio sui media e ci faremo apprezzare da tanta gente che non aveva mai avuto l’occasione di conoscerci.
Nell’organigramma, e presto sul sito distrettuale, troverete nell’Area Centenario delle “tabelle aperte” ed in continuo aggiornamento.
Queste vogliono essere uno spunto. Una guida per conoscere le iniziative già esistenti, ideate e sostenute da singoli club o gruppi di club, che rientrano già a pieno titolo nelle 4 macro aree del centenario.
Sta a tutti noi decidere se aggregarci a iniziative già in essere o ampliarle con la  possibilità di servire grazie a nuove idee e nuovi progetti.
Anche l’attività del Distretto conoscerà alcune innovazioni per essere sempre di più al servizio dei club.
Il Distretto sarà a vostra disposizione per coordinare l’attività di tutti club, per supportare i vostri SERVICE, per trasferire ai soci le indicazioni e i suggerimenti che ci provengono dal Board internazionale.
Le stesse indicazioni che quest’anno coinvolgeranno poco meno di 1.400.000 soci in tutto il mondo.
Per questo io vi chiedo di guardare al Distretto in modo diverso. Il Distretto, ricordate, è il vostro partner privilegiato per condividere idee e  progetti e, dove possibile, trovare un aiuto concreto per aiutarvi a realizzarli con ancora maggior incisività e successo.
E per rendere più semplice questo modo di operare, abbiamo pensato di creare un “una scatola delle idee”. In un primo tempo una lavagna che installeremo in Via Cialdini, dove potrete esporre come semplici post-it o locandine le vostre iniziative, le vostre richieste di collaborazione, i vostri suggerimenti.
E tutto ciò sarà presto inserito in modo dinamico sul nostro sito distrettuale per dare proprio a tutti, anche ai club più distanti, la possibilità di essere informati sulla vita dei club, sui nostri mille service e coinvolgerli/aiutarli nella loro realizzazione.
Nuovi Leader
Abbiamo infine bisogno di formare nuovi Leader! Siamo una grande Associazione e chi coordina i club, i distretti su, su fino a Oak-Brook, deve avere competenze lionistiche di primo livello.
Tutti dobbiamo impegnarci in una crescita personale per dare maggiore efficienza al nostro impegno e garantire un ricambio di cariche sempre all’altezza della situazione.
Ecco perché la formazione è un momento di fondamentale importanza nella nostra vita di Lions, ci consente di restare al passo con i tempi.
Pronti ad affrontare un nuovo secolo di service, per garantire una presenza di leader Lions competenti, capaci ed entusiasti che ci guideranno nei prossimi anni.
E questa è un’altra di quelle montagne che vorremmo scalare quest’anno.
Sotto la regia del GLT sono previsti corsi ed incontri informativi e formativi, che vedranno coinvolti molti lions.
Una formazione che coinvolgerà anche i nuovi soci nella giornata  mondiale di benvenuto prevista per il prossimo 8 aprile.
Insieme all’IA2 e all’IA3 è previsto un importante momento di confronto e formazione interdistrettuale sui temi del lionismo.
Penso infine ad un Lions 2.0 che, partendo dalle fondamenta desidera costruire il proprio futuro, proprio come ci esorta a fare il nostro Presidente Internazionale.
Un’altra innovazione, che entrando nel nuovo secolo di vita della nostra associazione dobbiamo affrontare, riguarda i nuovi modi di comunicare e di interagire. I nuovi mezzi informatici, Facebook, Twitter, WhatsApp, sono straordinari strumenti che permettono a tutti di comunicare a basso costo con il mondo ma, per avere un risultato positivo, dobbiamo lavorare sui contenuti, e sulle azioni che vogliamo diffondere, così come sulle modalità di un utilizzo efficace ed efficiente di tali mezzi.
Questa è la vera sfida per tutti coloro che si occupano di comunicazione nell’anno del Centenario. Impariamo a farci conoscere per quello che realmente siamo, utilizziamo i mezzi tecnologici che abbiamo a disposizione, ma presentiamoci per favore tutti nella stessa maniera!
E ricordiamoci che il Sito del Club, del Distretto, del Multidistretto Italy e del Lions International sono oggi  la nostra finestra sul mondo.
Infine, sempre sul sito, sarà pubblicato un calendario degli eventi che deve essere costantemente consultato dai club per pianificare le proprie iniziative in maniera più efficace e in modo da non sovrapporre date e serate.
Per questo chiedo uno sforzo a tutti di verificare gli appuntamenti già in essere e di condividere il prima possibile le date delle vostro iniziative.
Per quanto mi riguarda, il primo impegno che mi sono assunta è quello di visitare i vostri club il prima possibile, per partire al più presto a scalare insieme nuove montagne.
Montagne, scalate, progetti, sogni...  A volte i simboli sono quel qualcosa in più che ci rende più facile capire la nostra mission e stimola il nostro orgoglio
E a questo proposito voglio ringraziare lo scorso Consiglio dei Governatori per aver voluto fare un gesto simbolico che mi ha commosso molto in occasione del Congresso di San Remo.
Il passaggio della bandiera Lions tra il Governatore uscente e l’entrante.
Quella bandiera Lions che avete visto oggi sfilare e proprio quella che mi è stata consegnata dal Governatore uscente Rino Porini, e che io a mia volta passerò a Francesco Preti, mio primo Vice Governatore. E’ un piccolo gesto, ma di grande significato, che mi auguro continui in futuro.
A Fukuoka poi il Presidente Internazionale ci ha consegnato una grande bandiera LIONS che porterò per tutto l’anno nelle visite ai Club invitandovi tutti a firmarla.
Un’idea che io trovo bellissima come bellissimo sarà il giorno in cui, completato il mio giro di visite ai club, sulla bandiera potremo contare oltre 2400 firme.
Ma non è tutto perché proprio questa bandiera volerà a Chicago per sfilare alla grande Parata. Una splendida iniziativa per far sì che alla Convention internazionale del centenario possano essere presenti, con le loro firme sulle bandiere, tutti i Lions del mondo.
Lions Clubs International Foundation. Lo scorso anno è stato raggiunto un notevole risultato di raccolta fondi a favore della nostra Fondazione, e già per questo mi sento in dovere ringraziarvi. 
Come ben sapete la LCIF vive grazie alle donazioni di noi Lions.
E molti progetti dei Lions vivono grazie ai fondi erogati dalla Fondazione.
Sono sicura che anche quest’anno il nostro Distretto avrà il 100 per 100 di soci donatori.
Ma chiedo al Delegato LCIF non soltanto di spiegare ai club l’importanza di donare ma, anche e soprattutto, di come si richiedono i fondi alla Fondazione.  E non dimenticate che, come ci ha detto il Past Presidente internazionale Palmer durante la visita al Centro Raccolta Occhiali Usati, negli ultimi anni la Fondazione ha ricevuto richieste di assegnazioni inferiori agli stanziamenti.
Perciò raccogliamo per il futuro e impariamo a chiedere per il presente.
Come potete immaginare il centenario assorbirà una parte importante delle risorse e delle attività dei Club, ma oggi mi sento di ricordarvi un altro importante impegno,  la presenza al Salone del Libro con uno stand Lions.
Questo è un appuntamento che non dobbiamo sottovalutare perché sarà uno di quei momenti in cui il nostro distretto sarà chiamato a rappresentare non soltanto il Multidistretto Italy ma tutto il movimento Lions ed è una opportunità importantissima di farci conoscere per quello che siamo e per quello che facciamo.
Con questo mi avvio al termine di questo intervento perché se iniziassi a parlare dei progetti e delle proposte che i club hanno fatto non riuscirei a fermarmi tanta è l’emozione, la sorpresa e l’orgoglio nel vedere e sentire che cosa tutti voi siete  in grado di inventare e fare al servizio del mondo.
Io sono orgogliosa del mio distretto, dei miei club e dei miei soci perché ho avuto modo di conoscere molti di voi e so che insieme faremo delle cose straordinarie e che la sfida che ci ha lanciato il Presidente Corlew di scalare nuove montagne - e non solo perché siamo in Valle d’Aosta -, noi saremo in grado di vincerla alla grande.
Per questo dobbiamo essere pronti a capire dove sta nascendo un bisogno ed essere là per fare la differenza,
Per questo Vi chiedo quest’anno di sviluppare almeno un service per ognuna delle 4 macro aree, di pensare alla nostra Fondazione e… con 1 socio in più. 

INSIEME LASCIAMO IL SEGNO


Gabriella Gastaldi 
Governatore Distretto 108-Ia1

 

Scarica il discorso in formato PDF ->

 

Notizie dai Club del Distretto 108 Ia1

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al suo funzionamento. Cliccando su "Accetto" o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più